Don Gallo 80 anni per strada

18 luglio 2008 - Tonio Dell'Olio

«Osare la speranza, era il motto della mia brigata partigiana" - dice don Gallo all'intervistatore sorpreso da questo prete tanto differente.
Ieri ha compiuto 80 anni. 80 anni per strada e sempre accanto alla gente, ai più poveri.
Perché don Gallo - a Genova lo gridano anche le pietre dei carruggi - ha fatto una scelta di parte andando alla ricerca dei nuovi crocifissi, i parenti del Dio debole, del Dio povero.
Provocatore nato, non si è mai tirato indietro e si è fatto compagno di strada di tutti coloro che spendevano la vita, le idee, l'impegno per riscattare i poveri.
Non gli è mai importato da dove venissero, che lingua parlassero e che filosofia avessero sposato.
L'unica professione di fede che ha sempre chiesto è stata la gratuità nello spendersi per gli altri. Per questo oltre che nella Comunità di San Benedetto al Porto, lo abbiamo incontrato nei giorni terribili del G8 quando ha gridato e sperato insieme a tanti giovani che "un altro mondo è possibile".
Non vi sembri strano che un prete così abbia chiesto come regalo alla città di Genova di farla finita sulle diatribe circa la costruzione della moschea e di poterne edificare una per tutti i fratelli e le sorelle dell'Islam.
Un prete così incarna proprio la chiesa che vorremmo.
Compagna della gente lungo le strade dei giorni, non edificata a fortezza e pronta ad accogliere tutti e tutte. Senza esclusioni.
Auguri don Gallo.


Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39