Un albergo a 5 stelle in mezzo alle baracche

7 ottobre 2008 - Tonio Dell'Olio

Provate a digitare sul web burjalfateh.com.
Vi trovate di fronte a un maestosissimo albergo dalla struttura moderna, anzi avveniristica.
Si tratta del Burj al Fateh Hotel un albergo con cinque stelle e 18 piani di acciaio e vetro della forma architettonica di una vela. 230 camere lussuose e suite con arredamento molto curato. Un investimento di 130 milioni di euro da parte della Compagnia libica per gli investimenti esteri (Lafico). I costi per notte variano da 400 a 1500 dollari. Fa eccezione la Presidential-Suite che è quotata 3.150 USD. È stato progettato da architetti italiani e realizzato dalla ditta italiana Cmc, cooperativa di Ravenna.
L'albergo è stato inaugurato il 3 settembre scorso alla presenza di Omar al Bashir, presidente del Sudan accusato dal Tribunale internazionale di crimini di guerra e genocidio nella regione del Darfur.
La possente struttura proietta la sua ombra sulla desolazione della periferia fatta di capanne di fango e di fame abitate da gente disperata che ha vissuto l'esodo dal sud del Paese o dal Darfur.
Sarebbe una notizia da commentare.
È il monumento alla schizofrenia dei nostri tempi e io non ho più voglia di spendere parole. Chiamate uno psichiatra!

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39