La violenza cieca del fondamentalismo

5 novembre 2008 - Tonio Dell'Olio

A leggere o riascoltare la testimonianza completa di suor Meena Barwa, indiana di 29 anni violentata e stuprata lo scorso mese di agosto da alcuni "fondamentalisti indù", si rimane con un senso di angoscia profonda nell'anima.
Come è possibile che nella terra che generò Gandhi e le fedi più rispettose di ogni creatura vivente, si possa giungere a forme tanto dolorose di violenza gratuita?
Nel corso di una conferenza stampa che ha avuto luogo a New Delhi, suor Meena ha voluto raccontare nei dettagli la violenza subita quasi ad esorcizzare la paura, quasi a fare in modo che la memoria non le diventasse nemica. "Sono stata stuprata –ha detto la suora - ma adesso non voglio essere vittima anche della polizia dell'Orissa. Voglio un'inchiesta su questo".
Si perché, scandalosa quanto la violenza subita, si è rivelata anche la connivenza della polizia che non solo non ha protetto la suora durante il tentativo di linciaggio e quando volevano addirittura bruciarla viva, ma ha tentato persino di dissuaderla dal denunciare.
"Dio benedica l'India. Dio benedica tutti voi" ha concluso suor Meena.
E Dio ci preservi da ogni fondamentalismo, religioso e non.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44