Le pietre dell'ignoranza

10 novembre 2008 - Tonio Dell'Olio

A chi ha ascoltato un notiziario o letto un giornale la vicenda tragica di Ibrahim Duhulow è rimasta sicuramente più impressa del suo nome. Non riesco a verificarla e mi appare incredibile per questo la riferisco così come mi è stata segnalata anche da Luisa Santelli Beccegato che peraltro insegna educazione interculturale all'Università di Bari.
Ibrahim Duhulow, è stata lapidata a Chisimayo in Somalia. Era una bambina di tredici anni che aveva denunciato i suoi violentatori. Le pietre del fanatismo violento hanno colpito e ucciso ancora.
Senza retorica però dovremmo fare uno sforzo più grande tutti quanti per arginare queste tragedie immani che il più delle volte non riescono nemmeno a raggiungerci. E non basta più l'ennesima dichiarazione dell'ONU o la condanna di talune autorità religiose semmai c'è stata.
È necessario che anche le organizzazioni di cooperazione internazionale e tutte le realtà attente alla promozione dei diritti pongano questo tema in cima alla propria agenda.
Tolleranza zero solo verso l'intolleranza e la violenza.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39