Don Tonino e i diritti umani

Oggi dovremmo chiedere al Signore la grazia della parresia. Anzitutto per le nostre Chiese. Perché riscoprano la loro missione profetica e non tacciano di fronte alle violenze perpetrate sui poveri.
15 dicembre 2008 - Don Salvatore Leopizzi

Oggi dovremmo chiedere al Signore la grazia della parresia. Anzitutto per le nostre Chiese. Perché riscoprano la loro missione profetica e non tacciano di fronte alle violenze perpetrate sui poveri. Perché sappiano intervenire con coraggio ogni volta che vengano violati i diritti umani. Perché non tremino di fronte alle minacce e parlino con franchezza senza operare tagli sull’interezza della Parola e senza praticare sconti sul prezzo della copertina, quando i diritti di Dio vengono subordinati agli innumerevoli idoli che pretendono il suo posto. (don Tonino Bello)

È solo uno degli innumerevoli passaggi che testimoniano la coincidenza, per don Tonino, tra i diritti umani e i diritti di Dio. Si difendono infatti i diritti di Dio quando alta si leva la Parola profetica di fronte alle violenze perpetrate sui poveri. Lo ha sempre fatto don Tonino spendendosi fino in fondo, accanto agli ultimi a favore della pace, della giustizia, della salvaguardia del creato. È questo il messaggio e la provocazione che vogliamo qui richiamare nel 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani (10 dicembre 1948).
Il ricordo va subito al pellegrinaggio coraggioso dei cinquecento a Sarajevo nel dicembre ‘92 quando, con Mons. Bettazzi, don Tonino già gravemente piagato nel corpo ma non certo piegato nell’animo, alzò la sua voce e puntò il dito sui diritti calpestati e sui diritti negati di tanta gente in quella sporca e tragica “pulizia etnica” che si consumava nel disinteresse e nell’indifferenza generali. Dalla Carta dell’ONU alla Costituzione della nostra Repubblica, anch’essa sessantenne, attraversando un’abbondante fioritura di Dichiarazioni solenni, Convenzioni e pronunciamenti ufficiali sulla inviolabilità dei diritti di tutti e di ciascuno (dei bambini, delle donne, dei profughi, dei rifugiati, dei malati, dei detenuti, dei nomadi...) si continua a dichiarare autorevolmente che “il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana e dei loro diritti, uguali e inalienabili, costituisce il fondamento della libertà, della giustizia e della pace del mondo”(dal preambolo della Dichiarazione ONU)
Parallelamente e quasi contemporaneamente anche nella Chiesa si è sviluppata una sempre più matura consapevolezza che l’annuncio e la testimonianza del Vangelo oggi passano necessariamente per la strada dove i sogni e i progetti della civitas hominis s’incrociano e s’innestano con l’avvento profetico della civitas Dei.
La strada dei diritti umani, quelli di ogni persona e di ogni popolo, è la stessa strada dei diritti di Dio, quelli che, nella Scrittura , Egli stesso rivendica a difesa dei suoi figli umiliati e offesi, rifiutati e calpestati. I diritti dell’orfano e della vedova, del misero e dello straniero. Tutto il magistero degli ultimi pontefici, a partire dalla Pacem in Terris di Giovanni XXIII, illustra e ribadisce quanto il concilio Vaticano II afferma nella Gaudium et Spes: nulla vi è di genuinamente umano che non trovi eco nel cuore dei discepoli di Cristo.

Soprattutto oggi – prosegue lo stesso documento conciliare al n. 27 – urge l’obbligo che diventiamo prossimi di ogni uomo e rendiamo servizio con i fatti a colui che ci passa accanto: vecchio abbandonato da tutti, o lavoratore straniero ingiustamente disprezzato, o esiliato, o fanciullo nato da un’unione illegittima o affamato che richiama la nostra coscienza, rievocando la voce del Signore: “quanto avete fatto ad uno di questi miei fratelli, l’avete fatto a me” (Mt 25,40).

L’uomo è la via della Chiesa, secondo la felice sintesi di Giovanni Paolo II.
Nella logica del Dio fatto Uomo trovano corrispondenza e vicendevolmente si richiamano i diritti dell’Uno e dell’Altro.
Certo il mondo in questi ultimi tempi sembra irrimediabilmente avviato a un rapido degrado antropologico, oltre che economico e ambientale. Il cammino della pace intesa come convivialità delle differenze, la cultura della nonviolenza attiva e della legalità, la ricerca di nuovi modelli di sviluppo equi ed eco sostenibili, il rispetto delle diversità e i processi di integrazione di popoli e culture a livello locale e globale, in una parola l’età dell’uomo planetario appare un sogno ormai svanito, una passione pressoché inutile. La civiltà di tutti i diritti per tutti si è allontanata dall’orizzonte dei programmi poco lungimiranti dei cosiddetti grandi della terra.
Assistiamo purtroppo al tramonto delle grandi evidenze etiche nella politica e nella pubblica amministrazione.
Basti pensare che nella nostra Italia cristiana, a settant’anni dall’entrata in vigore delle leggi razziali,si registra un preoccupante rigurgito di xenofobia che cresce e si diffonde in ogni piega del vivere sociale e civile. Alla paura del diverso si abbina la paura del futuro e molti, anche nelle nostre comunità, sono tentati di chiudersi nel guscio dell’individualismo in un atteggiamento di sfiducia e di fatalistica rassegnazione.
Torniamo allora alla cultura dei diritti che è poi anche quella dei doveri.
I diritti solennemente dichiarati diventeranno reali solo se ognuno osserverà responsabilmente i doveri corrispondenti al proprio status.
E se vogliamo continuare a chiamarci seguaci del Dio Crocifisso, ancor più dovremo difendere e promuovere la dignità e i diritti dei crocifissi della terra senza chiedere loro altro documento di identità che quello di persona appartenente alla famiglia umana e perciò, a pieno titolo, figlio di Dio, fratello di Gesù Cristo, erede del suo Regno.
Coraggio, Chiesa! – ripete ancora don Tonino – Vai alla ricerca degli ultimi del tuo territorio (…). Chiesa samaritana, lenisci le piaghe con l’olio della tua tenerezza. Mèdicale con l’aceto della tua profezia. Urla. Rivendica i diritti dei poveri. Mettiti al loro fianco con gratuità. Presta ad essi la tua voce. Non aver paura a scomodare i benpensanti, le autorità costituite, l’establishment cittadino. Saranno costoro i primi a ringraziarti per questa coscienza critica che promuoverai. (…)
Non limitarti a sperare. Ma organizza la speranza!

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44