Precario

18 febbraio 2009 - Tonio Dell'Olio

Leggo nel vocabolario etimologico: "Precario, da prex = preghiera
(prece). Propriamente: Ottenuto con preghiere, frutto della preghiera.
Che si esercita con permissione, per tolleranza altrui, quindi che non dura sempre, ma quanto vuole il concedente e per estensione: Che ha poca durata, temporaneo, non stabile".
Scopriamo così che il precario nasce nel medioevo quando il contadino era costretto a supplicare il feudatario di rinnovargli la concessione della terra da coltivare per trarne frutto. Una preghiera rivolta agli uomini e non a Dio non è "il respiro dell'anima" ma il segno drammatico del degrado della persona la cui sopravvivenza dipende dalla volontà di chi abita il gradino superiore della scala sociale.
Nella nostra epoca questo degrado è diventato ordinario e non si ascoltano grida di scandalo per questo stravolgimento che ci riporta indietro nel tempo e ci fa irridere a
diritti che sembravano acquisiti come frutto di lotte e conquiste.
Anche quei diritti sono ridotti ad essere flessibili, precari.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39