La Chiesa contro la crisi

6 marzo 2009 - Tonio Dell’Olio

Indiscrezioni giornalistiche riferiscono che Benedetto XVI sta lavorando a redigere un’Enciclica sociale anche per riflettere sulla crisi economica e finanziaria alla luce del Vangelo. Già domenica scorsa ha usato parole forti suggerite dalla presenza in Piazza San Pietro di alcuni lavoratori licenziati e cassaintegrati provenienti da Pomigliano d’Arco, da Prato e da altri distretti industriali. A definire bene la situazione ci ha pensato il vescovo di Nola, mons. Beniamino Depalma nel corso di una manifestazione contro la chiusura dello stabilimento Fiat di Pomigliano quando ha affermato: “Questa gente non vuole oro e argento ma solo lavoro e futuro".
Lo stesso parroco don Peppino Gambardella di Pomigliano d’Arco, ha detto: “Noi abbiamo paura che questa crisi faccia crescere l’usura, i furti, la delinquenza, la camorra (…)”.
Molte illegalità si combattono “garantendo il lavoro a tutti che è una priorità” come ha detto il Papa. L’auspicio è che nella prossima enciclica pane pane e vino vino si indichino le responsabilità della crisi, si individuino i valori attorno ai quali costruire l’alternativa e si metta in guardia proprio sulle nuove opportunità che la congiuntura spalanca alla criminalità organizzata.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39