Venerdì santo

10 aprile 2009 - Tonio Dell’Olio

Tempo fa con alcuni bambini guardavamo una riproduzione del crocifisso di San Damiano che – lo ricorderete – è secondo lo stile bizantino e comprende nell’icona altri soggetti oltre al Cristo. Quando chiesi ai bambini da che cosa fossero colpiti particolarmente, con una spontaneità da record uno mi rispose dicendo: “Quanta gente!”. Infatti l’autore ha dovuto persino modificare la forma o lo stile della croce per poter includere nell’immagine tutte le persone che parteciparono al dramma della passione.
Quel bambino aveva colto forse l’aspetto più importante della croce: non è una morte solitaria. È eco della storia di tutti i crocifissi per la fede, per la giustizia, per la libertà. È icona affollata anche ai giorni nostri del dolore che vorremmo allontanare da noi e che purtroppo ci appartiene. È tatuato nella carne e si chiama malattia inguaribile o terremoto, tradimento o abbandono, discriminazione o ingiustizia. E ha molti altri nomi. Purtroppo. La croce è il pozzo di tutti i dolori. Li puoi contemplare nel volto sofferente di Cristo e nella tua vita. Dentro di te, attorno a te. Quanta gente! Troppa gente.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39