135 miliardi di dollari

8 luglio 2009 - Tonio Dell'Olio

Sono molto più che una fortuna! Come dice Loretta Napoleoni “rappresentano l’1 per cento del PIL americano, abbastanza per comprare la Repubblica Ceca”. Una cifra che giornalisticamente si definirebbe astronomica. Ebbene forse a qualcuno sarà capitato di leggere su qualche giornale di provincia che il 3 giugno scorso a Chiasso sono stati fermati due giapponesi che trasportavano in una valigetta buoni del tesoro USA del valore di 135 miliardi di dollari. Subito dopo il silenzio.
Si sa che i bond sono stati sequestrati, ma che i due giapponesi sono stati rilasciati.
Si sa che la FED ha negato l’autenticità dei titoli, ma si sa anche che nessun americano si è precipitato in Italia per controllare.
Si sa che gli esperti dicono che l’incauto sequestro avvenuto ad opera della Guardia di Finanza si pone nei tentativi che l’economia USA va facendo per ridurre il proprio debito. Ma si sa anche che quei giapponesi avrebbero potuto utilizzare quella massa enorme di denaro “per far crollare le quotazioni del dollaro sul mercato internazionale”.
Si sa che questo genere di operazioni (ma mai con queste cifre) sono state utilizzate per acquistare materiale nucleare. Qualche giornale americano ha parlato di interessi della mafia siciliana in collaborazione con banche statunitensi.
A preoccupare più d’ogni altra cosa è il silenzio.
Non v’è giornalismo d’inchiesta che scavi su un sequestro record che non si era mai verificato finora nella storia.
Toc toc c’è nessuno?

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39