L’altra Castel Volturno

25 settembre 2009 - Tonio Dell’Olio

Ma a Castel Volturno non ci sono solo clan di casalesi e stragi di immigrati, appalti truccati, corruzione, abusi e abusivismo. Ci sono anche i paccheri delle "Terre di don Peppe Diana". Sarà questo il nome che prenderà la cooperativa che andrà a coltivare le terre sottratte agli esponenti della malavita locale. I paccheri sono stati presentati sabato 13 settembre al SANA di Bologna, l’importante salone annuale del naturale. La pasta è stata prodotta col grano di un terreno confiscato a Michele Zaza nell’agro di Pignataro e raccolto da decine di ragazzi che nei primi di agosto hanno partecipato a uno dei campi di lavoro organizzati da Libera.
"È un'altra scommessa vinta - dice Valerio Taglione, coordinatore di Libera Caserta e del Comitato don Diana - insieme a tutti quelli che in questi anni ci hanno sostenuto e hanno creduto insieme a noi che è possibile costruire comunità alternative alla camorra a partire da fatti concreti. La prossima tappa sarà la produzione di mozzarella di bufala".
Non si tratta soltanto del sapore di legalità come più volte abbiamo detto. È il sapore di una vita alternativa a quella pesantemente tenuta sotto il tacco della violenza mafiosa. Una vita nuova che profuma anche di pasta di grano duro e di mozzarella di bufala.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.38