Affondiamo la ‘ndrangheta

6 ottobre 2009 - Tonio Dell'Olio

È gente senza scrupoli e assatanata solo di soldi quella che negli anni scorsi ha affondato navi colme di veleni e sotterrato rifiuti tossici tra il cemento di opere pubbliche, fabbricati e terreni. La popolazione di Cetraro e dei paesi limitrofi sono allarmati perché la motonave Cunsky fu affondata proprio al largo di questa cittadina calabrese e conteneva numerosi fusti di rifiuti radioattivi. Questi scempi ambientali si abbattono proprio su una regione il cui territorio è stato già ferito nel passato da scempi ambientali inauditi.
Di fronte ai danni incalcolabili provocati ancora una volta dalla criminalità organizzata a doversi muovere sono la magistratura, le forze dell’ordine, le istituzioni di governo. Ben poco possono fare le organizzazioni sociali e le associazioni. Legambiente denuncia. Alza la voce. Ultimamente ha messo in vendita una maglietta a tutti comprensibile che reca semplicemente una scritta: Affondiamo la ‘ndrangheta. E questo sì è compito di tutti.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44