Il disarmo porta a porta del Burundi

30 ottobre 2009 - Tonio Dell'Olio

Si potrebbe definire come una campagna del disarmo porta a porta quella che si è conclusa in Burundi l’altra notte. Con il sostegno di agenzie e ONG internazionali, il governo del Burundi nell’ultima settimana ha accelerato tra i suoi cittadini e le sue cittadine la consegna di armi da fuoco detenute in casa. Come peraltro è già avvenuto in altri Paesi, questa sorta di disarmo volontario era incentivato dallo scambio con altri beni. E così a chi consegnava una pistola o un fucile o una granata o un kalashnikov, veniva data in cambio una bicicletta, un sacco di cemento, un paio di pantaloni o un telefonino...
A guardare i numeri la raccolta ha avuto successo. Sono stati consegnati “1253 fucili, 5000 granate,126 bombe, 8 mine e migliaia di munizioni” – riferisce l’agenzia Misna. Da oggi in poi pene severe a chi verrà trovato in possesso abusivo di armi. Il tutto in conformità con il Protocollo di Nairobi per la prevenzione, la riduzione e il controllo delle armi leggere e di piccolo calibro.
Mi sembrava una buona notizia. Perché non darla?
Ancora una volta un’occasione mancata per una buona informazione.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39