Tempi nuovi

27 novembre 2009 - Tonio Dell’Olio

È finito il tempo delle letture militanti in cui si acquistava un giornale perché si doveva sostenere il partito o l’organizzazione. Si doveva sostenere l’idea.
Oggi, tranne pochi nostalgici e un club di afecionados che sembrano tener fede a una tradizione di famiglia o a una collezione dei numeri arretrati, ci si abbona a una rivista perché interessante o stimolante, perché d’approfondimento serio o perché ti fa scoprire cose che non trovi altrove, perché ci sono firme prestigiose o perché affronta i temi che ti stanno a cuore.
L’appello ad abbonarvi a Mosaico di pace, di cui anche questa rubrica è espressione, non fa leva tanto sulle cose in cui credete ma piuttosto su quelle che volete sapere e capire. È un sipario che i “diversamente credenti” come gli irriducibili della speranza di pace vogliono aprire per comprendere cosa si muove sul proscenio, sulla ribalta e sulla scena ma anche dietro le quinte.
In questa fase carsica del movimento pacifista è tempo di andare alle radici della nonviolenza e delle sue ragioni. È tempo di leggere il mondo con gli occhi dei poveri. Tempo di aprire la porta di casa agli estremi confini della terra.
Ragioni sufficienti per abbonarsi.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39