Una bomba contro la ‘Ndrangheta

5 gennaio 2010 - Tonio Dell’Olio

Tra le cattive notizie d’inizio d’anno avremmo fatto volentieri a meno di leggere della bomba ad alto potenziale che mani vigliacche hanno piazzato davanti alla sede della Procura Generale di Reggio Calabria.
Tra le notizie belle c’è che è stata unanime, senza se e senza ma, la condanna nei confronti di questo segno di debolezza e di difficoltà della minoranza delinquente che abita la Calabria.
Poveri uomini di un’organizzazione potente! Indeboliti dalle confische e ricacciati in un angolo dalla mancanza di consenso sociale. Da tempo hanno eletto i magistrati a rango di nemici. I loro nemici sono nostri amici. Stiamo vincendo. Lo ricordano le persone che ieri pomeriggio hanno accolto l’invito di Libera a radunarsi davanti al Palazzo. Stiamo vincendo perché altrimenti gli uomini della ‘Ndrangheta non avrebbero bisogno di colpire. Normalmente le mafie preferiscono fare affari e arricchirsi piuttosto che perder tempo a piazzar bombe… se non fosse strettamente necessario.
Grazie a tutti, ma soprattutto al coraggio delle toghe che hanno il solo colore della giustizia. Sperando che non ci sia sempre bisogno di una bomba a risvegliare il sentimento di questa gratitudine.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44