Stare tra la gente

26 gennaio 2010 - Tonio Dell'Olio

Un grazie a Mons. Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, che ha il coraggio di accompagnare l’annuncio con la denuncia. Altro non sono che due facce della stessa medaglia del Vangelo che il nazareno ha affidato alla fragile responsabilità dei credenti. A pensarci bene, quel vescovo semplicemente rende visibile a tutti ciò che normalmente un pastore dovrebbe essere in grado di fare: stare dalla parte della gente, stare con il suo popolo. Condividere le amarezze, le fatiche, le povertà, l’indignazione... i lutti. Soprattutto quando, come nel caso di Favara, la tragedia non è figlia della malasorte ma ha responsabilità certe.
Avere il coraggio di chiamarle con nome è compito di ciascun cittadino. Grazie di cuore a chi ne dà l’esempio.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39