RAI provinciale

5 febbraio 2010 - Tonio Dell'Olio

Siamo provinciali. E ai tempi della globalizzazione sembra una bestemmia. Ne sono prova le pagine rattrappite e, a volte, banali degli esteri della stragrande maggioranza dei giornali e, complessivamente, tutta l’informazione nostrana. Ne è prova la superficialità con cui veniamo informati sulle scelte politiche dei governi stranieri e sulle politiche europee, sui lavori delle istituzioni comunitarie e sui conflitti “minori” che si combattono in Africa, in Asia e in America Latina. Qualche anno fa Mosaico di pace, Nigrizia e Missione oggi iniziarono una campagna per chiedere una sede di corrispondenza RAI (servizio pubblico) in Africa. Col decisivo supporto della Tavola della pace, dei sindacati dei giornalisti (USIGRAI in testa) e di altri soggetti, riuscimmo ad ottenere una sede RAI a Nairobi. In questi giorni l’annuncio che la dirigenza del servizio radiotelevisivo si appresterebbe a chiudere le sedi di Nairobi, Il Cairo, Buenos Aires, Beirut, Nuova Delhi e Rai Med. Visto come va il mondo bisognerebbe rafforzare e diffondere quelle sedi Rai! Invece si decide di cominciare a risparmiare togliendo la parola a chi lavora sui terreni più difficili. Per queste ragioni abbiamo ripreso la campagna e chiediamo di firmare l’appello, inviando email col proprio nome e cognome a segreteria@perlapace.it e indicando nell’oggetto: RAI non chiudete quelle sedi.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44