Fantabosco addio?

10 febbraio 2010 - Tonio Dell'Olio

Ci sarebbero molti modi per risparmiare i nostri soldi usati dal servizio pubblico della RAI e, nello stesso tempo, riuscire a garantire qualità e cultura. I dirigenti dell’azienda hanno deciso di tagliare i programmi per bambini di RAI 3 a partire dal prossimo mese di ottobre. Melevisione, Trebisonda, È domenica papà… resteranno nei ricordi dei bambini che hanno potuto seguire finora quei programmi ma non in quelli che si affacciano alla televisione d’ora in poi. Oltre che economica, la motivazione della cancellazione è data dalla notevole offerta per la tv per ragazzi della televisione digitale. Ma non è la stessa cosa. Dalla televisione degli italiani mi aspetto una scelta pedagogica e non di “cassetta” che tenga conto del messaggio educativo e non veda i bambini come altrettanti potenziali consumatori di beni e di programmi. In questo senso avevamo apprezzato molto l’eliminazione degli spot. Ma è solo un esempio.
Per queste ragioni (e altre che ciascuno individuerà) è in atto una campagna che prevede l’invio di messaggi di protesta a: ufficiostampa@rai.it e, in copia a: melevisione@rai.it .

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39