L'eccezione dell'imbroglio

23 febbraio 2010 - Tonio Dell'Olio

Cricche e combriccole. Così siamo ridotti! Di consorterie di interessi è costellato il Belpaese. Di gente che briga e che imbroglia, di gruppi che da appalti e commesse, spreme utili e prebende. Elegantemente furbi nei loro abiti scuri, sembrano arruolati nei corpi speciali dell'assalto all'appalto. Compiacenze rispettabili e mazzette mimetizzate. Tutte rigorosamente a carico del contribuente su cui si abbattono i costi finali. Una sciagura nazionale che sembra trasformarsi in un male endemico. La pellagra dei tempi moderni che non colpisce chi i soldi non ce li ha, ma soltanto imprenditori e politici già profumatamente pagati e soddisfatti. E puntualmente vengono definiti eccezione. Escrescenza impropria di un sistema che regge. Invece sembra essere "eccezione diffusa". E pertanto, regola di cui danno conto ampiamente gli archivi delle procure più che le sentenze dei tribunali. E la barca va. Navigando tra imbrogli e tangenti, truffe, frodi, estorsioni, corruzioni e concussioni. Un vocabolario penale e amministrativo che ormai straripa di definizioni che rincorrono la genialità perversa degli imbroglioni.
A quando il coraggio di dire stop alle puntate? Rien va plus, le jeux son faits! A chi spetta pronunciare la frase? Magistratura, classe imprenditoriale, educatori, politici, istituzioni d'ogni genere? Tutti e tutti insieme per favore. Per un Paese pulito e per sperare finalmente di costruire. Senza tangenti.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44