L’acqua non si vende

26 aprile 2010 - Tonio Dell'Olio

È partita la raccolta di firme per il referendum contro la privatizzazione dell’acqua. Un bene comune essenziale per la vita di ogni essere vivente. “La sacralità dell’acqua è da sempre sinonimo di vita” ha ribadito Alex Zanotelli, missionario comboniano e direttore di Mosaico di pace, da sempre impegnato nella battaglia contro la privatizzazione dell’acqua. “Anche in prospettiva di risorse idriche che andranno sempre più scarseggiando, è vitale intraprendere una rivoluzione culturale, etica e morale nella gestione di un bene inalienabile e comune” ha detto il missionario che avverte: “a lungo termine, di questo passo interi gruppi sociali più poveri e vulnerabili verranno privati dall’accesso all’acqua potabile, che diventerà troppo costosa e non avranno più i mezzi per comprarsela!”.
Per questo non possiamo far mancare la nostra firma e cercare il modo di contribuire a questa campagna di civiltà che mette al primo posto la salvaguardia di un diritto di tutti e non il profitto di alcuni. Ciascuno cerchi nel proprio comune dove è possibile firmare e se nessuno ha intrapreso l’iniziativa, ci si attivi. Abbiamo tre mesi di tempo per raccogliere 500mila firme. Istruzioni per l’uso:
http://www.acquabenecomune.org/raccoltafirme/

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39