Meglio tardi che mai

30 aprile 2010 - Tonio Dell'Olio

Da pag. 29 del n. 842 di Internazionale, riprendo senza commento l’articolo di Igiaba Scego, scrittrice italiana di origine somala.

Sumaya Abdel Qader è nata a Perugia nel 1978. I suoi genitori sono giordanopalestinesi, lei si sente italogiordanapalestinese. Ha scritto il romanzo Porto il velo, adoro i Queen (Sonzogno 2008) perché è un’islamica devota e una donna molto rock. Manda le figlie a scuola dalle suore – perché sanno insegnare bene la disciplina – ed è impegnata nel sociale. Sumaya non dimenticherà mai quando ha compiuto 18 anni. Come tutti i figli di migranti nati in Italia, è andata in comune a presentare i documenti necessari – dalle vaccinazioni alle iscrizioni a scuola – per chiedere la cittadinanza. I figli degli stranieri possono ottenerla se sono nati in Italia e hanno mantenuto qui la residenza senza interruzioni. Devono chiederla prima di compiere 19 anni. Sumaya ha fatto il giuramento davanti a due testimoni ed è stata dichiarata cittadina italiana. Tutto bene, ma solo in apparenza. Il giorno dopo hanno bussato alla sua porta: “C’è stato un errore”. Dalla documentazione, risultava qualche mese d’interruzione della residenza. Il colmo era che quell’interruzione era dovuta a un cambio di residenza che non era stato registrato subito. Sumaya ha perso la cittadinanza per colpa del comune. Solo dopo 12 anni di scartoffie, documenti fatti mille volte ed equivoci vari, Sumaya è riuscita a diventare cittadina italiana. La sua seconda cerimonia di giuramento si è svolta in pompa magna, alla presenza del sindaco. È venuta pure una troupe di Al Jazeera.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.38