Le vittime della pedofilia

29 giugno 2010 - Tonio Dell'Olio

La prima attenzione è per le vittime. I minori molestati, maltrattati, resi oggetto di un piacere distorto e disturbato, di una libido deformata. Bambini violati nell’angolo più segreto e misterioso della vita. Bambini la cui infanzia è compromessa, la vita sfregiata, le relazioni di fiducia ammaccate per sempre. La prima attenzione è ai bambini. Ma poi ci sono loro: i pedofili. Quelli che chiamiamo mostri e che invece sono il prodotto della nostra stessa umanità. Ci suscitano pena, rabbia, pietà, sdegno... ma forse anche loro sono vittime a loro volta delle proprie storie sbagliate, di abbracci negati... Dopo i bambini, vanno aiutati anche loro. Prima neutralizzati e poi aiutati. Sono anch’essi vittime di pedofilia, fosse anche solo la propria. Quelli che non suscitano in me alcun sentimento di pietà sono i furbi che tentano di giustificare o di legittimare o di esaltare la pedofilia. E sono discorsi che già si possono ascoltare. Prima all’estero e poi in Italia. Dicono che sia un modo di manifestare affetto verso i bambini e che i bambini stessi lo chiedano. Che spesso le loro attenzioni si rivolgono verso bambini che non ricevono abbastanza amore in famiglia. Affermano che l’amore verso i bambini nelle forme in cui loro lo esercitano non sia sbagliato e che un giorno verrà riconosciuto. Sostengono di essere perseguitati da remore, bigottismi e pregiudizi. Ecco - scusate - non ci sto! L'ideologia pedofila proprio no! L'unica parola del cuore che i bambini ci chiedono è la tenerezza.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44