La generazione-facebook

6 ottobre 2010 - Tonio Dell'Olio

Io la amo questa generazione-facebook timida e incerta. Precaria. Con l'arsura profonda di conoscere e incontrare e parlare in una maniera che nessuna fantascienza aveva previsto. Con uno schermo a uso di maschera e un nickname a mo di ombrello. Che si lascia adulare dalla pubblicità e coccolare dagli adulti. Perché non usa le parole che usavamo noi e le cifre di incanto dei sessantotti e dei settantotti e degli ottantotti... ma salta gli aggettivi e sincopa le frasi. E non vuole sapere nemmeno che sono esistite altre epoche di giovani. Questa generazione che ci chiede come facevamo quando non c'erano i telefonini e non ci crede che una volta nei cinema si fumava. Io la amo perché non conosce più le distanze. La amo perché è inedita e non se ne rende conto. Non si lascia sorprendere più dal mondo perché ce l'ha già negli occhi. Ciò che non conosce sono le profondità che si nascondono nell'anima propria e degli altri. L'aria, il sole e un ago di pino. Questa generazione rivoluzionaria di una rivoluzione che non è la mia. Io la amo questa generazione perché ha ereditato nel sangue la forza di arrendersi alle emozioni e di comprendere ciò che è vero. E nonostante tutto vorrebbe lo stesso un mondo migliore di questo, quando qualcuno glielo racconta senza finzioni e senza interessi.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44