Domenica al Maxxi c’era la coda

3 novembre 2010 - Tonio Dell'Olio

Domenica al MAXXI c’era una lunga coda di persone che attendevano di entrare. Per i distratti il Maxxi è il Museo nazionale delle arti del XXI secolo. Uno spazio di rara bellezza architettonica aperto da poco a Roma. Sicuramente ci sarà stata ressa anche ai centri commerciali. A me piace riferirvi che al Maxxi c’era la coda. Persone le più varie. Famiglie con passeggini e bambini. Bambini che cominciano a riempire sguardi e anime di bellezza e di colori e di arte. Questa sì che è una buona notizia! Che la gente riprenda a nutrirsi di cultura. Perché come ama ripetere don Ciotti: "È la cultura che sveglia le coscienze". Per questo, quella fila di persone che pazienti attendevano anche ore per entrare, sono un investimento sicuro per oggi e per domani. Gente disposta a ragionare, a cercare di capire, a non comprare merce avariata né a scatola chiusa. Folla disponibile a inserire la scheda del voto della propria giornata nell’arte che sempre ha il potere di salvare il mondo. Fino a quando ci sarà la fila al Maxxi c’è speranza che non tutti i cervelli sono disponibili a farsi rimpiazzare dalle banalità della televisione commerciale. Non tutti si adagiano sul fango. E io – lo confesso – mi sono soffermato a guardare anche i volti di quei visitatori e non soltanto le opere esposte. Quella fila non si ferma al museo.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39