Gli irregolari della gru

9 novembre 2010 - Tonio Dell'Olio

Salire su una gru esponendosi a tutti i rischi per affermare il diritto ad essere riconosciuti parte di una comunità. Un braccio di ferro tra sei uomini e un ministro, tra i diritti e chi li "respinge", tra la richiesta di riconoscimento di dignità e la chiusura a fortezza di un benessere che si sente minacciato. O forse – chissà – di un’identità che non ama i colori, di un’economia che si avvantaggia del sommerso, della paura generata dall’ignoranza. Sei persone che a 35 metri dal suolo della nordissima Brescia da otto giorni chiedono di essere "regolarizzati". E rideremmo di questo verbo se non ne conoscessimo le pieghe drammatiche. Per quel che può servire, sto dalla parte degli irregolari in un Paese in cui comincio a sentirmi irregolare anch’io.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44