Viktor Bout

18 novembre 2010 - Tonio Dell'Olio

Per chi conosce un poco di traffici illeciti internazionali Viktor Bout è un nome di assoluto rilievo. Per altri – ahimè – è un mito. Uno che si è fatto da solo! Ex militare dell’armata sovietica e agente del KGB, all’indomani della caduta dell’impero sovietico, cominciò a ricostruirsi un aereo utilizzando i pezzi di ricambio degli aerei rottamati e a trasportare fiori dall’Africa in Europa. Comprese subito che il trasporto clandestino di armi rendeva molto di più e gli aerei di sua proprietà diventarono una flotta. Ha rifornito di armi i talebani, gli eserciti irregolari e le dittature di mezzo mondo. Gli aerei che trasportavano armi, normalmente ritornavano pieni di minerali preziosi e di ogni genere di mercanzia pregiata. Arrestato in Tailandia due anni fa, in questi giorni è stato estradato negli Stati Uniti, ma il governo russo protesta. Quello delle armi è un traffico che più di altri non può avvenire senza una fitta rete di complicità di apparati statali e industriali. Corruzione. Viktor Bout sorride perché è depositario di molti segreti, di molte verità. Mosca protesta. Le aziende armiere tremano. I morti tacciono.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44