Un Paese vecchio

9 dicembre 2010 - Tonio Dell'Olio

Non a Pompei è ai Fori di Traiano. Piuttosto tra gli scranni del Parlamento e nelle diplomazie rigide dei partiti e dei poteri, sulle cattedre delle università e con i camici bianchi tra le corsie degli ospedali, tra gli incensi del conclave e nei palazzi antichi espiscopali. Vecchio perché precario. E vecchio non è negativo. È negativo se sta da solo senza l’apporto fresco e creativo di chi guarda oltre. Vecchio e basta. Solo. Senza chi scruta il dopo e non il fondo. Questo è un Paese vecchio che rischia di diventare senza speranza. Sono giovani i militari italiani sui fronti di guerra. Strumenti nelle mani di burocrati ingialliti tra i giochi di potere e le telefonate maliziose con i partner dell’altra sponda dell’oceano. Giovani i volontari di ciò che resta della cooperazione internazionale. E quelli che – forti – lasciano capanne di fame per nuotare lesti verso le sponde ricche della televisione luccicante di varietà. Vecchi che non è disprezzo per le rughe che amo e da cui bevo le parole sagge e l’arte di creare che rende addirittura immortali. Questo è un mondo che non sa più impastare quella sapienza con la corsa a perdifiato e spregiudicata, di chi canta e ama, di chi ha ancora tante pagine bianche da scrivere e sbagliare. Ed è tragico proprio perché non impara, chi non può nemmeno sbagliare.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44