Per l’acqua

29 marzo 2011 - Tonio Dell'Olio

Votare sì ai due referendum sull’acqua prima che un atto politico è respiro delle coscienze, atto di responsabilità verso le generazioni future, sussulto di dignità civile. Non consentire a nessun privato di mettere le mani sui rubinetti del bene comune vuol dire difendere la vita di tutte e tutti. Acqua in tutte le case per garantire la trasparenza di ogni bicchiere. Perché le idromafie sono un male antico che va scongiurato e non legalizzato. Arricchirsi con l’acqua è da sciacalli. Prendere la gente per sete è l’ingiustizia più imperdonabile. È costringere i poveri a bere le proprie lacrime. È sacrilegio. Le multinazionali dell’acqua di plastica vogliono darci a bere le loro menzogne su acque che aiutano la digestione e rallentano le rughe, ma a noi basta l’acqua che disseta. Perché l’acqua nasce nel segno del dono e della solidarietà. Un bicchiere d’acqua non si nega a nessuno.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39