Ci sono bombardamenti e bombardamenti

28 aprile 2011 - Tonio Dell'Olio

Aveva scelto il giorno di Pasqua, il Papa, per pronunciare solennemente la sua opinione sul conflitto in corso: “In Libia la diplomazia ed il dialogo prendano il posto delle armi – aveva detto - e si favorisca, nell’attuale situazione conflittuale, l’accesso dei soccorsi umanitari a quanti soffrono le conseguenze dello scontro”. Ma non aveva ancora terminato di parlare che le cancellerie franco-italiane, già concordavano la dichiarazione che il premier italiano avrebbe pronunciato al termine del vertice tra i due rispettivi capi di Stato. Siano le armi a prendere il posto della diplomazia e del dialogo! Via ai bombardamenti. Ops, scusate. Ci dicono che è improprio chiamarli bombardamenti perché gli attacchi dell’aviazione italiana saranno diretti esclusivamente su obiettivi mirati e non coinvolgeranno la popolazione civile. Aveva dimenticato, il premier, che questo era stato già stato stabilito dalla Convenzione di Ginevra. E soprattutto, se questo è un distinguo, significa che le altre parti che partecipano ai bombardamenti colpiscono indiscriminatamente?

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39