Il mio voto

16 maggio 2011 - Tonio Dell'Olio

Questa mattina ho votato. Forse è solo l’illusione di un idealista ma mi sento più cittadino. “Io non mi sento italiano, - diceva Gaber - ma per fortuna o purtroppo lo sono”. La scheda è un vero e proprio lenzuolo piegato in più parti. Ho contato le liste. Mi sorprende che in un comune di poco meno di 55mila abitanti ci siano 27 liste elettorali! Mi chiedo se è il segnale incoraggiante di una partecipazione diffusa e della volontà di contribuire alla crescita del bene comune, di mettersi al servizio della città. Mi accorgo invece che si tratta della politica che pensavo impigliata tra i fili di ragnatela, quella che punta al rastrellamento del consenso inconsapevole. Ciascuno ha almeno un cugino, un marito, un figlio da votare. Più liste ci sono e meglio è per chi si candida a sindaco. Un’altra occasione mancata per aiutare la gente ad aprire gli occhi, per comprendere quale progetto di città hanno i candidati. Perché non si vince o si perde se viene o non viene eletto il cugino, ma se la giunta deciderà di cementificare le spiagge, di creare opportunità di lavoro per i giovani, di tenere pulite le strade, di scrutare l’orizzonte individuando i problemi e intuendo le possibili soluzioni. La politica vince solo quando il voto è segno della responsabilità che ti assumi.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39