Domenica vado a votare 4

9 giugno 2011 - Tonio Dell'Olio

Per riconciliarmi con l’acqua e con l’aria e con la libertà e con tutti i beni senza padrone. Perché potere è sostantivo ma è anche verbo. Perché non voglio lasciare in eredità scorie e radiazioni ma una speranza nuova. Un altro modo di vivere e di amare la terra, il mare, le nuvole e le montagne. Perché domenica reciteremo il salmo che dice “Perché voi, montagne, saltellate come arieti e voi, colline, come agnelli di un gregge?”. E finalmente capiremo la natura che prende parte alla festa degli uomini. O gli uomini che partecipano alla festa del creato. Domenica non ci saranno consorterie sedute negli scranni a votare seguendo gli ordini di scuderia, né “pianisti” a votare clandestini per il proprio vicino. Domenica si contano gli italiani. Contano gli italiani. Per abolire la furbizia elevata a sistema e il privilegio ostentato come conquista. Per dire nell’urna e nelle strade che bene comune è molto più che servizio pubblico e che non possono esserci ricavi, utili e profitti sulla sete. Per fermare le idromafie e riscattare la dignità d’essere cittadini e non sudditi.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39