I 4 miliardi per le donne

14 luglio 2011 - Tonio Dell'Olio

Le donne di “Se non ora quando” ci ricordano che qualche mese fa il Parlamento aveva approvato una legge che prevedeva di investire 4 miliardi “per politiche di conciliazione, inclusione delle donne nel mercato del lavoro, assistenza e cura. Non investimenti a fondo perduto, ma un modo per ridare respiro al potenziale femminile e per investire nella crescita del nostro paese”. Con la manovra finanziaria, quella legge sfuma come se non fosse mai stata approvata. Un furto. O uno scippo, come dicono i movimenti delle donne che si sono date appuntamento oggi alle 17.30 in Piazza Montecitorio per ricordare l’impegno assunto e tentare di evitare che lo scippo si compia. Ancora una volta a pagare i costi della crisi sono le categorie già penalizzate. Uno scippo pianificato con cura e senza troppi ostacoli. Facile facile. Perché tanto, alla fine, i sacerdoti dell’economia predicheranno dai pulpiti televisivi che si è trattato di un sacrificio necessario. Inevitabile. Taceranno piuttosto sul fatto che rinunciare a questo gioco di prestigio, sarebbe un fattore di crescita per tutto il Paese. Maschio e femmina.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44