L’elogio del limite

12 settembre 2011 - Tonio Dell'Olio

Circola a piede libero e senza argine alcuno la volontà di potenza che porta a prevaricare le leggi e i propri simili. Senza rispetto. Senza limite. Tutti gli spot pubblicitari altro non sono che un invito pressante, una persuasione - diuturna e continua - a superare se stessi. Ad essere più efficienti. Insuperabili. Un profumo, un’auto, un’appartenenza, l’iscrizione ad un club esclusivo, un biglietto dell’ultima lotteria. Nella classifica delle cause dei danni e dei mali di cui sono pieni i fogli della cronaca, la cultura dell’eccesso occupa i primi posti. Eppure è evidente che chi non riesce a dire di no, si ammala. Chi vuole andare sempre incontro a tutte le aspettative si scontrerà con la barriera dei propri limiti. Per questo c’è urgenza di ritornare a dire che nella natura è scolpita una linea invalicabile per ogni cosa. C’è un limite nel possedere e nel correre, nel contaminare e nel giocare. Una legge posta per preservare le specie, l’integrità del creato, la mente delle persone, le relazioni. C’è una saggezza antica nel riuscire a dire no. Innanzitutto a se stessi. Per questo è quanto mai necessario riscrivere un elogio del limite nelle coscienze e nella cultura.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39