Gli altri di Wall Street

30 settembre 2011 - Tonio Dell'Olio

C’è una folla di indignati anche negli USA. Gente comune, soprattutto giovani, che hanno compreso che le radici della crisi, ovvero della miseria, risiedono nelle spericolate operazioni finanziarie, nella speculazione, nell’arricchimento a tutti i costi di una casta mondiale di cui la borsa USA è la capitale. Purtroppo la polizia USA ha deciso di intervenire con durezza nel tentativo di mettere a tacere il malessere e tentare di nascondere la polvere sotto il tappeto. Di seguito diamo la parola ad alcuni dei loro slogan. Parole d’ordine precise, indicazioni di analisi e di prospettive. “Wall Street is our street”; “Siamo il 99% che non potrà mai sopportare l’avarizia e la corruzione dell’1%”; “Diciamo no alla multinazional-crazia”; “Coloro che rendono impossibile una rivoluzione pacifica renderanno inevitabile una rivoluzione violenta” (J.F. Kennedy); “Persone responsabili per un governo responsabile”; “La strada è nostra. Sotto la strada la terra”, “Parlo, dunque sono”.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.38