Riflettere insieme e insieme per riflettere

9 gennaio 2012 - Tonio Dell'Olio

Abbiamo terminato da poco Generazioni in dialogo 2, la seconda edizione dell’incontro della Cittadella di Assisi che promuove la comunicazione di esperienze e saperi tra anagrafi differenti. Ci siamo confrontati sul tema della partecipazione politica. Prima dei contenuti e delle proposte mi sono confermato nella convinzione di una necessità (che sta diventando un’urgenza), di trovare modalità e momenti di riflessione comune. Non era mai successo nella storia che ciascun individuo si trovasse alla confluenza di milioni di informazioni. Ma il rischio è che ogni cosa resti prigioniera della mia inevitabile miopia. E che manchino le occasioni per rendere comunicanti i vasi. Insomma rischiamo di traboccare di notizie ma di morire di solitudine, di inerzia o di frustrazioni. E non bastano i social network! Abbiamo bisogno di riscoprire il gusto della conversazione e dei volti, di ascoltare anche le pause, le voci e i suoi toni. Incontrarsi per guardare più nel profondo le persone e le questioni. E non c’è facebook che tenga! Va bene il social network per tenersi in contatto e scambiarsi idee, opinioni, informazioni... Per tutto il resto, per riflettere insieme, c’è bisogno di social gatherings, faces meetings, di riannodare i fili dei nostri cammini, di convocare tutti i cinque sensi. Un social network così non l’hanno ancora inventato.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39