Degenerazione giovanile

14 febbraio 2012 - Tonio Dell'Olio

Non mi piace essere facile profeta di sventura. Ma in questo caso diventa un esercizio facile facile. Persino banale. Tra qualche tempo i giovani torneranno a riempire la cronaca nera. I giornali grideranno titoli del tipo “allarme giovani” e “giovani delinquenti crescono”. Annebbiati dalla crisi non ci rendiamo conto che i giovani sono tra le categorie che ne pagano il conto più salato. Precari, sbandati, senza un metro quadro di progetto e di possibilità. Eppure incalzati continuamente a contare in base a quanti soldi hanno. Ieri, a Roma, nel convegno che ha voluto ricordare i venti anni dall’istituzione della Direzione Investigativa Antimafia, don Luigi Ciotti, fatti alla mano, ha fatto presente che "Le mafie stanno reclutando nuovi giovani, anche non appartenenti a famiglie mafiose". È un grido che deve vederci tutti molto attenti, responsabili, attivi. Tutti. Famiglie, associazioni, scuole, chiese... Ma soprattutto chi ha il potere di mettere in campo politiche a favore dei più giovani. A prevenire la cronaca nera e i titoli allarmistici, ci ha pensato Paese Sera con il mensile nuovo di zecca (guardate intanto il sito www.paesesera.it/) presentando un’inchiesta su Roma dove sono 170mila i ragazzi tra i 13 e i 18 anni e dove “crescono i reati e l’uso della violenza”. Dove i minori arrestati nel 2011 sono stati quasi 500. Prima che trovarsi nella condizione di correre ai ripari, è il caso di prendere davvero a cuore la condizione dei giovani per non essere noi, mondo degli adulti, a tradire il loro presente e il loro futuro.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39