Quando un giudice fa il proprio dovere

6 marzo 2012 - Tonio Dell'Olio

Già qualche giorno fa (29 febbraio) affidavo a Mosaico dei giorni una riflessione sull’importanza di ritrovare il coraggio del dialogo sulla vertenza dell’alta velocità in Val di Susa. La chiusura di spazi di confronto sereno è a tutto vantaggio degli infiltrati che intendono solo nuotare nel fango della confusione, della contrapposizione e della violenza. Per questo duole particolarmente leggere le frasi ingiuriose e minacciose scritte sui muri contro il procuratore Caselli. Rimproverare a un giudice di fare il proprio dovere significa tagliare un pezzo del ramo su cui è seduta la nostra democrazia. Minacciare quel giudice è sintomo preoccupante della degenerazione in atto. E non si tratta né delle madri, né degli anziani che abitano i paesi della valle, né dei giovani di tante parti d’Italia che hanno compreso che la posta in palio in Val di Susa è più ampia di un solo traforo. La vigliaccheria che tenta di sporcare l’integrità di Giancarlo Caselli è figlia di un’altra cultura. Mafiosa, stragista e violenta. Esattamente dirimpettaia del terreno buono della partecipazione. Con quel magistrato abbiamo imparato a camminare sulle strade della legalità democratica e non sarà certamente il fanatismo violento, l’infiltrazione stragista, il terrorismo d’ogni colore a fermare il passo che crede nella nonviolenza e nella Costituzione.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39