Quel “criminale” di mio padre

22 marzo 2012 - Tonio Dell'Olio

È il titolo del libro di Antonio Perucati. “È una storia molto particolare – spiega l’autore - che ha come protagonista, Eugenio Perucati, mio padre che avrei amato anche se non fossi stato suo figlio per la nobile vocazione di volere, a tutti i costi, fare del bene ad una popolazione spesso dimenticata: quella dei detenuti che ancora oggi, per un motivo o per un altro, sconta le sue pene in condizioni disumane e non rieducative, a dispetto di quanto voluto fortemente dai Padri fondatori della nostra Costituzione”. Nel 1952 Eugenio Perucati viene nominato direttore dell’isola-carcere di Santo Stefano di Ventotene che Settembrini definiva “la tomba dei vivi”. Contravvenendo alle regole, lascia aperte celle e portoni perché i detenuti possano lavorare e circolare liberamente sull’isola. Un trattamento non punitivo nei confronti di uomini che avevano perso tutto. Il tentativo di stabilire una relazione umana con quelli che spesso siamo portati a definire bestie. Ed è una scommessa che può essere vinta. Con un vantaggio per tutti. Perché ancora oggi la latitanza peggiore è proprio quella della rieducazione.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39