Americani

10 aprile 2012 - Tonio Dell'Olio

Quando a un messicano chiesi se gli abitanti del Messico considerassero improprio essere spesso inclusi nell’America Latina, dal momento che sono a tutti gli effetti parte dell’America del Nord (Canada, USA e Messico), mi rispose che piuttosto considerava offensivo sentire continuamente il riferimento esclusivo agli Stati Uniti come America. In effetti è assolutamente frequente e usuale nei giornali e nel linguaggio parlato considerare americani gli statunitensi. Sono americani anche i colombiani, gli honduregni, i cileni, i brasiliani... ma per noi, troppo spesso, gli americani sono solo gli abitanti degli Stati Uniti d’America. E non si tratta soltanto di un errore geografico, quanto della convinzione che "americani" è un titolo che si guadagnano sul campo i più potenti. Allora dire "statunitensi" non è solo una questione di precisione geografica, quanto di correttezza concettuale per cui tutti gli abitanti del continente sono uguali. "Io che sono americano – cantano gli Inti Illimani – non importa di quale Paese, chiedo che il mio continente un giorno possa vivere felice. Che i Paesi fratelli del centroamerica e del sud, trasformino le ombre del nord in lampi di luce".

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.44