La casa del figlio di Sandokan

7 maggio 2012 - Tonio Dell'Olio

La cucina della casa di Nicola Schiavone, posta sotto sequestro nei giorni scorsi, è quella che tutti desidererebbero avere. La scarpiera contiene solo calzature Hogan e Prada - dicono le cronache – le sue preferite. È del tutto secondario che i quadri alle pareti potessero piacergli. A lui interessava che fossero di autori contemporanei quotati. Come un inventario, i giornali ci hanno descritto e mostrato mobili e componenti di arredo. Mi colpisce che non ci fosse un solo libro. Anzi, nemmeno una libreria. Eppure la casa di Schiavone jr. è una pagina di mafia da leggere più che da vedere perché è l’esposizione visiva del codice mentale delle mafie. Ma ancor di più perché con tutta evidenza ci dice che l’antimafia non si fa soltanto con gli arresti e i sequestri ma anche con la cultura. Da proporre, diffondere, sollecitare... Volendo massimizzare si direbbe che ladddove ci sono i libri le mafie facciano più fatica ad infiltrarsi e dove non ci sono, c’è buona probabilità che le mafie prosperino e si rigenerino. “La cultura dà la sveglia alle coscienze” ama ripetere Luigi Ciotti e quelle fotografie ci dicono con tutta evidenza quanto sia vero.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39