Le lacrime di Mesagne

22 maggio 2012 - Tonio Dell'Olio

Ci sono tre ministri e il presidente del Consiglio, il presidente della Camera e quello della Regione Puglia, sindaci, prefetti, comandanti dei diversi corpi di polizia. C’è l’arcivescovo di Brindisi a presiedere i funerali di Melissa e tanti sacerdoti. Ma sono gli occhi lucidi e trasparenti dei ragazzi e delle ragazze, compagni di scuola e di vita, il cuore vivo della celebrazione. È quella foto stretta forte al petto da papà Massimo per tutto il tempo a dire le cose più importanti. Fuori dalla chiesa un gruppo di ragazze mi chiede di aiutarle ad entrare. Che loro hanno più titolo di altri a stare accanto alla loro amica. Una di loro – lacrime agli occhi – di fronte all’ennesimo diniego del servizio d’ordine, mi affida un peluche da deporre sulla bara bianca. Ci sono anche i corazzieri con la corona del Presidente della Repubblica. Ma risulta più solenne quel peluche. Poi bisognerà riprendere il passo senza distrazioni perché non c’è altro modo di continuare a voler bene a Melissa se non bandendo l’omertà, impegnandosi per la vita sempre, riconoscendo e denunciando il male di ogni violenza. Studiando. Oggi sono le lacrime, solo le lacrime, a farsi preghiera. Lacrime che hanno il potere di irrigare un altro fragile domani nel grembo materno di Dio.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39