23 volte Tienanmen

4 giugno 2012 - Tonio Dell'Olio

Anche coloro che non erano ancora nati il 4 giugno 1989 avranno visto almeno una volta la foto di un ragazzo inerme che ferma un carro armato in Piazza Tienanmen a Pechino. Sono passati 23 anni. Quella protesta scosse il mondo anche perché si concluse con un bagno di sangue. Per quella protesta nonviolenta ancora oggi non sappiamo quante persone vennero uccise, quante rimasero ferite e quante furono arrestate. Ma si sa che per quella protesta ancora oggi, a distanza di 23 anni, ci sono persone che non sono mai uscite dalle galere cinesi. Quei prigionieri e tutte le coscienze nonviolente del mondo attendono che la comunità internazionale alzi la voce per chiedere il rispetto dei diritti umani in Cina, la liberazione dei prigionieri e la conoscenza della verità su quei fatti da parte delle autorità di Pechino. Ma la Cina nel frattempo è diventata una potenza economica…

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39