Dalla Diaz in poi

6 luglio 2012 - Tonio Dell'Olio

Una pagina nera della democrazia. Ogni volta che penso ai fatti del G8 di undici anni fa non posso fare a meno di considerare a giornate avvolte dall’oscuramento dei capisaldi su cui si fonda la nostra convivenza. La sentenza definitiva di ieri sui fatti della Diaz contribuisce a riannodare il filo della fiducia tra cittadini e istituzioni. Quando ci sentiamo minacciati dalla violenza, quando vediamo violati i nostri diritti, ora possiamo tornare a chiamare la polizia. Nessuno può sentirsi al di sopra della legge. Nessuno può pensare di farla franca perché occupa un posto di privilegio come tutore o rappresentante di istituzioni. Nei percorsi di educazione alla legalità che Libera e tanti altri soggetti si sforzano di promuovere, i fatti di Genova rappresentavano una pericolosa smentita che ieri è stata cancellata. Certo, undici anni sono obiettivamente troppi e le prescrizioni lasciano tanto amaro nel cuore, ma è importante sapere che – anche se tardivamente – è possibile conoscere la verità e compiere la giustizia. Grazie a chi in tutti questi anni ci ha creduto, grazie a chi ostinatamente non si è dato per vinto, grazie a chi non ha mai smesso di sentirsi cittadino e non suddito.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39