Sulla guerra umanitaria

24 luglio 2012 - Tonio Dell'Olio

Ma alla fine che cosa abbiamo esportato? A sentire i persuasori dotti delle masse, gli irriducibili dell’intervento umanitario, gli strateghi convinti e determinati delle amministrazioni USA e della coalizione dei volenterosi, in Iraq e in Afghanistan dovevamo ristabilire l’ordine. Volevamo esportare democrazia e abbiamo ottenuto dittature mascherate, governicchi, prestanomi eterodiretti, campioni senza valore. Volevamo diffondere benessere e serenità e invece abbiamo sturato l’alambicco della violenza. Volevamo ristabilire la legalità e abbiamo lasciato uno strascico di corruzione. E di morte. Perché il bollettino di guerra iracheno di due giorni fa ci ha riferito che sono stati almeno 107 i morti e 214 i feriti del bilancio ancora provvisorio della serie di attentati registrati in Iraq. Tra i più gravi negli ultimi due anni hanno colpito 18 città irachene, tra cui Baghdad, con 27 attacchi distinti. Un fallimento pagato a suon di vite umane dalla popolazione. Almeno questo dovrebbe bastare per farci ripensare la guerra e per appenderla al chiodo come la più desueta e disastrosa delle attività umane.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39