Piazza Angelo Di Carlo

3 settembre 2012 - Tonio Dell'Olio

Quella di Angelo Di Carlo è il nome di un’altra di quelle storie che troppo velocemente e facilmente abbiamo rimosso dalla memoria d’inchiostro e dai siti della nostra coscienza collettiva. All’una di notte dell’11 agosto, quasi a non voler disturbare nemmeno il Parlamento in ferie, Angelo era andato a darsi fuoco in Piazza Montecitorio a Roma. Otto giorni dopo moriva nel letto di un ospedale romano a causa delle forti ustioni che si era procurato. Angelo è il simbolo più alto e drammatico delle vittime della crisi in corso, anzi dei sacrifici umani che il dio-mercato continua a pretendere e ad ottenere. A 54 anni Angelo era rimasto senza lavoro e con tre mesi di affitto e bollette in arretrato. Ogni altro commento appare spaventosamente superfluo di fronte al gesto che i giornali non hanno mancato di definire “insano”. Eppure Angelo De Carlo è il simbolo di una disperazione - gridata senza parole - in faccia alla politica soggiogata dall’economia, alla speculazione che detta leggi alla normalità, all’arroganza di chi scala i grafici della borsa di fronte a chi ha vita precaria. Che ci sia almeno un deputato o un consigliere in Campidoglio che propongano di dedicargli quella piazza. Una provocazione o una memoria che ci faccia vergognare o che almeno indichi al Palazzo per quale ragione varrebbe la pena farsi eleggere e deliberare.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39