Armi e corruzione

5 ottobre 2012 - Tonio Dell'Olio

Non è una novità che tra i settori industriali più interessati al fenomeno della corruzione vi è quello del commercio di armi. La novità è che ieri, nero su bianco, Transparency International ha dato conto del giro enorme di tangenti sulle armi. Intitolato Indice anti-corruzione delle società della difesa, il rapporto è in parte fondato su dati messi a disposizione dall’istituto svedese Sipri e dalla Banca mondiale. I 129 gruppi industriali sono suddivisi in sei categorie, sulla base della qualità dei meccanismi anti-corruzione che affermano di aver azionato. Nella fascia dei più corrotti figurano tra gli altri due gruppi israeliani e due russi, i cinesi di Aviation Industry Corporation of China e i giapponesi di Kawasaki Heavy Industries. Non fanno molto meglio le società italiane, con Fincantieri collocata nella penultima categoria e Finmeccanica poco più su, sullo stesso gradino del colosso statunitense Lockheed Martin e sotto agli inglesi di BAE Systems. Stiamo parlando di circa 20 miliardi di dollari all'anno che finiscono a ungere le ruote della compravendita di armi. L'agenzia MISNA giustamente fa notare che si tratta di una cifra superiore a quella che i Paesi del G8 riuniti a L'Aquila si impegnarono a destinare per contrastare la fame nel mondo. Inutile aggiungere che quell'impegno non è mai stato onorato.
(fonte Misna)

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39