L’errore del caporale

19 ottobre 2012 - Tonio Dell'Olio

Daniele Settembrini è un militare. Anzi è un bersagliere. Caporale maggiore presso il 1° reggimento bersaglieri con sede a Cosenza. Nello svolgimento delle sue funzioni si accorge che nel deposito carburanti della caserma spesso avvengono furti di gasolio. Ascolta la propria coscienza e scrive ai superiori una lettera in cui denuncia gli “ammanchi di gasolio di 200-300-400-500 litri e anche oltre, spostamenti di gasolio per riscaldamenti al posto di gasolio per autotrazione, furti di gruppi elettrogeni, furto di un compressore, furti di batterie e furti continui di materiale alla ditta civile edile: ogni volta che l’officina civile preleva un mezzo per riparazione, rientra quasi sempre con metà serbatoio. [...]”. La risposta dei superiori non si fa attendere. Si dispone un’ispezione e in conclusione il militare viene processato e punito con la sanzione disciplinare della privazione della libertà per sette giorni perché, secondo il suo comandante, avrebbe violato alcuni articoli del codice dell’ordinamento militare: non avrebbe seguito la via gerarchica e “avrebbe evidenziato un comportamento gravemente lesivo del prestigio e dell’onore del suo reparto”. Insomma non solo non è stato meritevole di encomio ma viene punito per aver denunciato. Cito il caso perché purtroppo è frequente che negli ambienti di lavoro (non solo quelli militari) avviene che chi denuncia furbizie, ruberie e atti di corruzione, spesso venga mobbizzato, emarginato o deriso. Una legge per contrastare la corruzione dovrebbe prevedere (e arginare) anche questo.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39