Il freno tirato della corruzione

22 gennaio 2013 - Tonio Dell'Olio

Questa legge elettorale è infame perché non ci fa scegliere le persone da votare e le delega alle segreterie dei partiti. Rassegnati andremo ugualmente alle urne. Ma questa legge elettorale non ci vieta di continuare ad essere protagonisti e responsabili. Per dirla con la Costituzione: sovrani. Possiamo formulare proposte e scrivere programmi. Chiedere ai candidati se condividono e se si impegnano ad approvare le leggi e i provvedimenti che ci sembrano essenziali per cambiare il corso del Paese. Libera e Gruppo Abele, ad esempio, promuovono Riparte il futuro (www.riparteilfuturo.it) con cinque proposte da approvare nei primi cento giorni di legislatura. Questa mattina ha firmato anche Niccolò Fabi che ha commentato: “Ho firmato perché la corruzione è la sconfitta della meritocrazia, un freno a mano tirato all’entusiasmo delle persone virtuose e una medaglia appuntata alla giacca dell’ingiustizia. Ho firmato perché la vittoria definitiva della corruzione sarebbe forse l’unico motivo reale per cui lascerei il mio Paese”.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.38