Voce del verbo ricordare

28 gennaio 2013 - Tonio Dell'Olio

"27 gennaio: Shoah, solo menzogne e infamità", "Israele non esiste" "Al cospetto di nostro Signore ricevete la nostra punizione. Israele boia", “Sei milioni numero truccato antisemitismo non è reato”, “The Shoah must go on”… sono alcune delle scritte antisemite comparse ieri a Roma e a Udine. Insieme all’apologia del fascismo dell’ex premier, costituiscono ragioni molto concrete che inducono a riflettere e a considerare che oggi più che mai bisogna continuare a serbare memoria perché nulla di quell’orrore si possa ripetere o possa essere tollerato dalla ragione. Lo sterminio pianificato, la disumanizzazione, il fanatismo eletto a sistema, la dittatura… sembrerebbero fenomeni ormai lontani e buoni soltanto per i libri di storia. Quelle scritte sui muri e certi giudizi storici sommari rigurgitati proprio nel Giorno della Memoria, ci urlano di continuare a “ricordare” nel senso etimologico del verbo: riportare al cuore. Delle persone e della storia.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39