I colloqui della speranza

4 febbraio 2013 - Tonio Dell'Olio

Incrociamo le dita. Dopo sei giorni di pausa sono ripresi a La Havana i colloqui di pace tra FARC (Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia) e governo colombiano in un clima che viene definito di alta tensione. Non mancano le contraddizioni, i ritardi e le reciproche accuse di violazione della tregua concordata, ma il fatto che si prosegua nel dialogo è positivo. Un segnale che illumina il lungo tunnel di 50 anni di conflitti, violenze, distruzioni, sofferenze e lutti. L'ordine del giorno è particolarmente nutrito perché si dovrà trattare su cinque punti: il problema della terra, il narcotraffico, la resa del gruppo armato, la sua partecipazione alla vita politica, i risarcimenti alle vittime del conflitto. Ci fosse un po' più di attenzione internazionale il cammino sarebbe più rapido e sicuro. Basterebbe comprendere che quello che sta avvenendo in Colombia non riguarda solo la Colombia. Questo villaggio globale in cui viviamo non ci consente nemmeno un po' di voltarci dall'altra parte e di far finta di nulla. Solo per fare un esempio, dall'esito di quell'accordo dipende anche la quantità di cocaina che invade gli USA e l'Europa. L'indifferenza della comunità internazionale sarebbe un silenzio colpevole. Non per omissione ma per connivenza.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39