Vivere del lavoro

13 maggio 2013 - Tonio Dell'Olio

Si vive del lavoro. Del lavoro delle proprie mani. È raccomandazione biblica che sembra una condanna e invece è il senso della vita. Il lavoro che contribuisce a tenere vivo il mondo con le mani, l’intelligenza e la fantasia di ogni persona che abita la terra. Il lavoro è vita. Legare il lavoro alla morte non è un paradosso ma una stortura, una ferita profonda, uno scandalo! Per questo dobbiamo bandire fermamente la rassegnazione che sembra sopravvenire quando si pensa tanto a chi si toglie la vita perché ha perso il lavoro quanto a chi muore sul lavoro. In Italia oggi registriamo lo scandalo di chi muore senza lavoro e di chi muore sul lavoro. Suicidi di inoccupati, esodati, licenziati, cassintegrati, imprenditori strangolati e morte di lavoratori nel perimetro del proprio impegno quotidiano come a Genova, a Taranto e in tanti altri luoghi che rischiano di non fare più notizia. Non deve diventare una cosa normale. La normalità è vivere del lavoro e non morire del lavoro.

Ultimo numero

Rigenerare l'abitare
MARZO 2020

Rigenerare l'abitare

Dal Mediterraneo, luogo di incontro
tra Chiese e paesi perché
il nostro mare sia un cortile di pace,
all'Economia, focus di un dossier,
realizzato in collaborazione
con la Fondazione finanza etica.
Mosaico di paceMosaico di paceMosaico di pace

articoli correlati

    Realizzato da Off.ed comunicazione con PhPeace 2.6.39